Passa ai contenuti principali

Phishing, Unicredit banca di Roma

Oggi mi arriva questa mail:
Gentile CLIENTE,

Nell'ambito di un progetto di verifica dei data anagrafici
forniti durante la sottoscrizione dei servizi di QUI UBI
Banca e stata riscontrata una incongruenza relativa ai
dati anagrafici in oggetto da Lei forniti all momento
della sottoscrizione contrattuale.

L'inserimento dei dati alterati puo costituire motivo di interruzione del
servizio secondo gli art. 135 e 137/c da Lei accettati al momento della
sottoscrizione, oltre a costituire reato penalmente perseguibile secondo
il C.P.P ar.415 del 2001 relativo alla legge contro il riciclaggio e la
transparenza dei dati forniti in auto certificazione.

Per ovviare al problema e necessaria la verifica e l'aggiornamento dei dati
relativi all'anagrafica dell'Intestatario dei servizi bancari.
Effetuare l'aggiornamento dei dati cliccando sul seguente collegamento sicuro:


Accedi a collegamento sicuro >>

Cordiali Saluti ,

Š Gruppo UBI Banca
____________________________________________________________________________
ŠGruppo UBI Banca 2007 P. I. 03053920165
Ok, non è la prima che mi arriva, ma volevo far notare anche l'indirizzo
mail di risposta: lkgcodv@ncs.com.sg molto professionale...

Non sono neppure cliente Unicredit, quindi la cosa proprio non mi interessa e comunico subito a google le presenza di un sito di sicuro phishing (per farlo basta usare Firefox, dal menù in alto selezionare ? ---> Segnala sito contraffatto).

La cosa che mi ha lasciato perplesso è la finezza con cui hanno copiato il sito!


Non si distingue neppure l'originale! :D
più informazioni qui: Phishing

Commenti

Post popolari in questo blog

Problemi con Sitecom Wireless Network Modem Router Adsl2 + WL-606

Ultimamente ho avuto qualche problemino con il mio vecchio U.S. Robotics, e ho dovuto sostituirlo con un apparato simile, senza spingermi sulle reti 802.11 n che non saprei come sfruttare! Le caratteristiche sono classiche non mi aspetto certo grandissime performance, soprattutto con P2P, ma qui la situazione è ben diversa. La rete casalinga funziona bene, stabile e decisamente in linea con le attese, senza strafare si vede un po' ovunque e non ho trovato grossi problemi in installazione, ma per quanto riguarda la connessione ADSL i problemi ci sono eccome! Non so se è un problema del mio router, o se è il modello con qualche problema, ma le pagine si caricano, ma non sempre, e magari qualche pagina va e qualche altra no. Oppure inizia a connettersi carica qualcosa e poi basta. All'inizio credevo fossero i server Alice con qualche problemino, poi ho cominciato a pensare ai DNS , poi alla mia incapacità . Poi ho finito le scusanti! :D E' abbastanza fastidioso, anche per

Mail curiosa da sokares.flow@gmail.com (aggiornato)

Oggi ricevo questa mail: Oggetto: Pagamento Da: Maurizio Data: 13/03/2009 18.20 Inviato da outlook express... strano... boh, sinceramente puzza molto di truffa/scherzo/phishing, solite cose insomma. Solitamente mi faccio riguardo a pubblicare mail ufficili senza, almeno un minimo di sicurezza a livello di spam (almeno togliere la @ e sistituirla con AT) ma in questo caso, fino a prova contraria, questo Maurizio , proprio non lo conosco e la rete è povera di informazioni... Seguiranno aggiornamenti... Aggiornamento 14/3 Dati i commenti ricevuti stamattina si può identificare, senza dubbio alcuno, che dietro ci sta un'opera di spam, o truffa, esca per email future o qualcosa di simile. Ho provato a rispondere, con una mail creata ad hoc, vediamo cosa succede! vi terrò informati.. . Sicuramente si tratta di SPAM ... quindi, trattatela come tale (come correttamente evidenziato da Mozilla Thunderbird, segnalato nei commenti da MrKaos ), la tecnica sembrerebbe quella dell'i

Se l’operatore non attiva l’Adsl entro i termini stabiliti si ha diritto ad un ndennizzo

Articolo interessante su Kataweb rimandato da repubblica.it: L’operatore non attiva l’Adsl? Si ha diritto all’indennizzo - Consumi - Kataweb - Soluzioni quotidiane In linea di massima credo che un buon servizio sia dato anche da una comunicazione chiara tra fornitore e cliente. Possono servire da 3 ore a 3 anni per un'attivazione (problemi tecnici dovuti alla tecnologia) ma l'operatore DEVE essere chiaro altrimenti si rischia il gioco della promessa ricorrente all'infinito e conseguente stallo per il cliente!