Passa ai contenuti principali

Esperienze con pingu

Ultimamente sto lavorando alla tesi. Un pacco soprattutto per la scrittura, mettere insieme idee e concetti in un italiano anche solo lontanamente corretto, sicuramente non forbito, non fa parte dei pacchetti che ho installato nei miei repository. Anzi, ci fosse qualcuno capace, alle Neo di Matrix, a installare il pacchetto "Accademia della Crusca 1.0" oppure "ABCDario elementare" gliene sarei estremamente riconoscente.

Per quanto riguarda gli strumenti messi a disposizione da Linux, beh, non posso che ringraziare il Pingu che ora vive sul mio HP 6730b. Ubuntu 9.04 funziona egregiamente e non ho riscontrato particolari problemi tranne quelli citati in questo post precedente.

Per sincronizzare la mia opera prima utilizzo un semplicissimo file bash (non sai cosa sia, beh nemmeno io ma fa di un figo dirlo... sembro quasi uno serio...) che sfrutta lftp:
lftp -u 'udsername,password' ftp.website.com -e "set ftp:ssl-protect-data false;mirror --reverse /dir/locale /dir/remota; exit;"
Credo che ubuntu abbia raggiunto degli ottimi livelli anche se in molte cose sarebbe da sistemare, parlo dei driver che le case costruttrici hardware non forniscono stupidamente, o delle ottimizzazioni che ormai sono ad appannaggio esclusivo, o quasi, degli utenti Win. Niente di male intendiamoci, nessuna crociata, ma se uso skype perché devo diventar scemo nei settaggi? perché devo scaricarmi 123 pacchetti diversi per fa andare una stampante? basterebbe che il sig. HP fornisse non solo 27 tool diversamente inutili per fare una stampa con 54 diversi processi che partono in startup ma convogliasse parte delle risorse nella produzione di driver seri.

Torno alle sudate carte... sperando di avere citazioni dantesche in mente!

Commenti

Post popolari in questo blog

Problemi con Sitecom Wireless Network Modem Router Adsl2 + WL-606

Ultimamente ho avuto qualche problemino con il mio vecchio U.S. Robotics, e ho dovuto sostituirlo con un apparato simile, senza spingermi sulle reti 802.11 n che non saprei come sfruttare! Le caratteristiche sono classiche non mi aspetto certo grandissime performance, soprattutto con P2P, ma qui la situazione è ben diversa. La rete casalinga funziona bene, stabile e decisamente in linea con le attese, senza strafare si vede un po' ovunque e non ho trovato grossi problemi in installazione, ma per quanto riguarda la connessione ADSL i problemi ci sono eccome! Non so se è un problema del mio router, o se è il modello con qualche problema, ma le pagine si caricano, ma non sempre, e magari qualche pagina va e qualche altra no. Oppure inizia a connettersi carica qualcosa e poi basta. All'inizio credevo fossero i server Alice con qualche problemino, poi ho cominciato a pensare ai DNS , poi alla mia incapacità . Poi ho finito le scusanti! :D E' abbastanza fastidioso, anche per

Mail curiosa da sokares.flow@gmail.com (aggiornato)

Oggi ricevo questa mail: Oggetto: Pagamento Da: Maurizio Data: 13/03/2009 18.20 Inviato da outlook express... strano... boh, sinceramente puzza molto di truffa/scherzo/phishing, solite cose insomma. Solitamente mi faccio riguardo a pubblicare mail ufficili senza, almeno un minimo di sicurezza a livello di spam (almeno togliere la @ e sistituirla con AT) ma in questo caso, fino a prova contraria, questo Maurizio , proprio non lo conosco e la rete è povera di informazioni... Seguiranno aggiornamenti... Aggiornamento 14/3 Dati i commenti ricevuti stamattina si può identificare, senza dubbio alcuno, che dietro ci sta un'opera di spam, o truffa, esca per email future o qualcosa di simile. Ho provato a rispondere, con una mail creata ad hoc, vediamo cosa succede! vi terrò informati.. . Sicuramente si tratta di SPAM ... quindi, trattatela come tale (come correttamente evidenziato da Mozilla Thunderbird, segnalato nei commenti da MrKaos ), la tecnica sembrerebbe quella dell'i

Se l’operatore non attiva l’Adsl entro i termini stabiliti si ha diritto ad un ndennizzo

Articolo interessante su Kataweb rimandato da repubblica.it: L’operatore non attiva l’Adsl? Si ha diritto all’indennizzo - Consumi - Kataweb - Soluzioni quotidiane In linea di massima credo che un buon servizio sia dato anche da una comunicazione chiara tra fornitore e cliente. Possono servire da 3 ore a 3 anni per un'attivazione (problemi tecnici dovuti alla tecnologia) ma l'operatore DEVE essere chiaro altrimenti si rischia il gioco della promessa ricorrente all'infinito e conseguente stallo per il cliente!